Archivi categoria: Salute

Mandarini proprietà e benefici


Mandarini proprietà benefici 5 ricette

Settembre 20, 2021

mandarini-proprieta

mandarini-proprieta

Sommario

Mandarini proprietà : breve storia

Mandarini proprietà unico frutto dolce della famiglia degli agrumi, è un vero concentrato di benessere. Contiene vitamina C, vitamina A e vitamine del gruppo B insieme a molti sali minerali come calcio e potassio.

Mandarini proprietà è anche molto ricco di bromo, una sostanza che favorisce il sonno e il riposo.

Di questo frutto poi non si butta nulla! Dalla sua buccia, ricca di limonene, (una sostanza antiossidante), si estrae un olio essenziale impiegato per la preparazione di prodotti adatti a contrastare la cellulite e le smagliature.

Mandarini proprietà  è un agrume appartenente alla famiglia delle Rutacee (insieme al cedro e al pompelmo) ed è un albero da frutto. 

Dei tre appartenenti al genere Citrus è l’unico frutto dolce. Il suo arbusto è alto poco più di due metri e, in alcune particolari varietà, può arrivare anche a quattro.

mandarini-proprietà

mandarini-proprietà

Come tutti gli agrumi, anche mandarini proprietà preferisce i climi temperati e caldi, quindi il bacino del Mediterraneo è l’ambiente ideale. 

Mandarini proprietà i propaga per seme, per talea, per margotta e mediante innesto a gemma. 

I frutti del mandarino sono bacche di piccola pezzatura, rotondi, detti anche “esperidi”. Sono protetti da una spessa scorza che a maturazione completa assume un bel colore arancio più o meno carico. 

Sotto la buccia, ricca di ghiandole contenenti oli essenziali profumati, si trova l’albedo, la parte bianca e spugnosa. 

La parte più interna è suddivisa in spicchi composti di acqua, zuccheri, acido citrico, vitamine, sali minerali, e di semi.

Mandarini proprietà : benefici e proprietà

Mandarini proprietà in Europa risale al XV secolo. Le origini cinesi del frutto sono testimoniate anche dall’omonimia con il termine con cui venivano chiamati anticamente i funzionari politici imperiali: questi infatti erano vestiti con un mantello arancione. 

Venne importato in Spagna e Portogallo e così è arrivato nell’area meridionale dell’Italia, dove la pianta ha trovato un ambiente perfetto per il proprio sviluppo, soprattutto in Sicilia.

Mandarini proprietà è la tipica espressione dei benefici nutrizionali appartenenti al gruppo di frutta e verdura di colore giallo-arancio.

mandarini-proprietà

mandarini-proprietà

Contiene acqua, proteine, vitamine  (come la vitamina A, quelle del gruppo B, la vitamina C, vitamina E, vitamina J e la vitamina P) sali minerali (come ferro, calcio, potassio, sodio, fosforo, zinco, rame, manganese e magnesio), acido folico e fibre.

Sono presenti, inoltre, zuccheri – quali saccarosio, fruttosio e destrosio – e aminoacidi.

100 grammi di mandarino apportano 72 calorie.

L’interesse della medicina verso il mandarino e i suoi cugini è recentemente cresciuto visti i risultati di alcune ricerche. 

Queste dimostrerebbero come ad una dieta ricca di mandarini sia associato un minor rischio di tumore al colon-retto, all’esofago e allo stomaco.

L’aumento dei radicali liberi è associato allo sviluppo di molte patologie tra i quali numerosi tipi di neoplasie, ipertensione, infarto e diabete.

I radicali liberi sono prodotti durante il normale metabolismo corporeo ma la loro presenza nel sangue può essere facilmente neutralizzata grazie al regolare consumo di cibi contenenti antiossidanti, tra cui frutta e verdura. 

I mandarini possiedono proprio un’alta attività antiossidante.

Mandarini proprietà sontengono elevati livelli di sostanze bioattive in grado di trasformare i radicali dell’ossigeno in composti non radicalici, privi di reattività e quindi di tossicità. Ad esempio è stato dimostrato che il consumo regolare di succo di mandarini fresco per un periodo di tempo di 4 settimane esercita un significativo effetto positivo su molti biomarkers dell’ossidazione e aumenta le difese antiossidanti in bambini ipercolesterolemici.

mandarini-proprietà

mandarini-proprietà

I composti responsabili di tali azioni sono la vitamina C e i flavonoidi. Per effetto di queste sostanze antiossidanti che li compongono, i mandarini possono favorire un’azione neuro-protettrice e risultare preziosi anche nel trattamento di patologie neurodegenerative come l’Alzheimer.

I mandarini sono una risorsa ottima di vitamina C: due o tre frutti contengono più del minimo giornaliero raccomandato, 80 mg di vitamina C. 

La vitamina C è considerata uno dei migliori antiossidanti disponibili in natura: combatte i radicali liberi, è anticancerogena, aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari e stimola il sistema immunitario. 

La vitamina C interviene inoltre in numerosi processi biochimici come la biosintesi del collagene, della carnitina, della norepinefrina.

Anche i flavonoidi svolgono diverse funzioni importanti per il nostro organismo.

Agiscono da “spazzini” contro i radicali liberi e inibiscono la proliferazione cellulare. 

Esercitano inoltre un’azione positiva contro l’innalzamento della pressione sanguigna e dei livelli di colesterolo “cattivo”. Hanno anche un’attività antibiotica, antiallergica, antidiarroica, antiulcera ed antinfiammatoria.

mandarini-proprietà

mandarini-proprietà

I flavonoidi maggiormente presenti in questi frutti sono: flavanoni (esperidina, narirutina e naringina), flavoni (rutina) e flavonoli (quercetina).

I flavanoni sono i flavonoidi maggiormente rappresentati nelle specie di Citrus. Ognuna delle specie (mandarino, clementina, limone, ecc.) presenta uno specifico pattern unico di flavanoni. 

Tra essi la narirutina, sostanza efficiente nel trattamento dell’asma bronchiale. Nonostante sia molto presente nel pompelmo, anche clementine e mandarini sembrano presentarne una significativa percentuale.

Insieme ad essa, altri flavonoidi presenti nel mandarino sono rutina ed esperidina, i più potenti tra tutti. Grazie a questi, il mandarino contrasta in maniera efficace l’invecchiamento precoce, le infiammazioni croniche e svolge un’azione preventiva tumorale.

La esperidina, in associazione con la naringina riduce i livelli di colesterolo. Viene anche usata come integratore nei pazienti con fragilità vascolare, dal momento che migliora l’integrità dei vasi e diminuisce la permeabilità capillare.

Anche altre sostanze, come minerali e altri gruppi di vitamine, sono essenziali per il nostro benessere. 

Il mandarino è ricco di potassio, vitamina B1 e vitamina B6. 

Il potassio è un minerale implicato in diversi processi fisiologici come la contrazione muscolare e la regolazione della pressione arteriosa.

La vitamina B6 è invece necessaria per la sintesi della serotonina (o ormone del buonumore) e risulta quindi utile in caso di trattamento adiuvante o preventivo dei disturbi depressivi.

mandarini-proprietà

mandarini-proprietà

Grazie al loro sapore dolce ed alla facilità di consumo e di trasporto, i mandarini sono frutti che incontrano il favore di tutte le classi di età, apprezzate dai bambini come dai più anziani. 

Il mandarino è pronto da mangiare, non richiede di essere lavato prima del consumo né necessita di utensili particolari per essere sbucciato o tagliato. Ha una consistenza morbidache lo rende ideale da mangiare anche per persone con ridotta capacità di masticazione come gli anziani o i bambini.

Grazie al loro sapore dolce ed alla facilità di consumo e di trasporto, i mandarini sono frutti che incontrano il favore di tutte le classi di età, apprezzate dai bambini come dai più anziani. 

Il mandarino è pronto da mangiare, non richiede di essere lavato prima del consumo né necessita di utensili particolari per essere sbucciato o tagliato. Ha una consistenza morbidache lo rende ideale da mangiare anche per persone con ridotta capacità di masticazione come gli anziani o i bambini.

Mandarini proprietà : 5 ricette

Mandarini ripieni

Crema ai mandarini

Torta al mandarino

Risotto ai mandarini

Carpaccio di mandarini e zenzero

mandarini-proprietà

mandarini-proprietà

INGREDIENTI

    6 mandarini, sbucciati e tagliati a fette sottilissime

    Scorza di 1 mandarino, tagliata a fette sottilissime

    300 ml di acqua per lo sciroppo

    2/3 di lime (o limone)

    1 cm di zenzero fresco, pelato e tagliato a fette

    800 g di zucchero

    15 foglie di menta fresca, lavate e finemente tritate

PREPARAZIONE

Preparare gli ingredienti.

Disporre le fette di mandarino su un piatto piano o fondo.

Mettere nella pentola la scorza di mandarino con 200 ml di acqua. Quando l’acqua bolle, scolare la scorza.

Rimetterla nella pentola con lo zucchero, l’acqua sciroppata, il lime e lo zenzero.

Tempo di cottura: 5 min.

Versare lo sciroppo, filtrandolo, sul carpaccio di mandarino. Decorare con la menta e servire freddo.

Medico di Torino smonta punto per punto le obiezioni al vaccino anti Covid-19


https://www-quotidianopiemontese-it.cdn.ampproject.org/c/s/www.quotidianopiemontese.it/2021/01/01/medico-di-torino-smonta-punto-per-punto-le-obiezioni-al-vaccino-anti-covid-19/amp/

Fonte: Quotidiano Piemontese

Sardegna oltre la soglia delle terapie intensive (11%). In Sicilia superato il tetto massimo per i reparti Covid (16%) – Il rapporto – Open


https://www.open.online/2021/08/17/coronavirus-sardegna-terapie-intensive-sicilia-reparti-covid-rapporto-agenas/

Cavolo viola con i legumi, ottimo abbinamento


Buongiorno a tutti voi amici, oggi vi voglio proporre una ricetta mia e più precisamente una zuppa di lenticchie con il cavolo viola.

Si tratta di una ricetta molto semplice da fare,

i tempi di cottura variano solo per ciò che riguarda i tipi di legumi utilizzati i quali possono avere più o meno bisogno di cottura e comunque in genere da un’ora ad un’ora e mezza massimo, assaggiando ci si rende conto se cuocere ancora o no, (consiglio) assaggiare sempre quello che facciamo e mentre lo facciamo .

Ingredienti per 4 persone

200 gr. Di lenticchie secche
100 gr. Di fave secche senza buccia
1 cipolla bianca
1 pomodoro
1 carota
1 costa di sedano
200 gr. Di cavolo viola
Sale q.b. Pepe Nero q.b. acqua, olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione:

Pulire e lavare le verdure
tagliare in due la cipolla, il pomodoro, la carota, spezzettare grossolanamente il sedano e il cavolo, mettere tutto in una pentola capiente e coprire con acqua abbondante fare cuocere a fuoco vivo e controllare che l’acqua non si asciughi troppo
dopo circa tre quarti d’ora assaggiate le fave e le lenticchie se sono morbide spegnete, altrimenti si sciolgono troppo, aggiustiamo di sale e passiamo il tutto con un mixer facendo attenzione che il composto non sia troppo liquido in tal caso prima di mixare o frullare togliere un po’ di liquido.

Otterremo così una zuppa sulla quale maciniamo un po’ di Pepe Nero o peperoncino e un bel cucchiaio di olio extravergine d’oliva, si accompagna con crostini di pane o con delle fette di pane anche senza va benissimo, buon appetito e mi raccomando, provatela, grazie alla prossima.

Bruciare dalla rabbia: la storia di V.


ilpensierononlineare

Photo by moein moradi on Pexels.com

In passato ho già descritto -.brevemente- secondo la teoria di Melanie Klein, l’aggressività in termini psicodinamici. Oggi voglio invece parlare della rabbia intesa come emozione centrale del e per l’essere umano.

La rabbia è un’emozione prototipica perché in essa si possono identificare un’origine funzionale, antecedenti, manifestazioni espressive e modificazioni fisiologiche. La rabbia può essere osservata anche nei bambini molto piccoli (è un’emozione primaria) anche se viene inibita dalla cultura (o modificata) .

Secondo autori come Stenberg e Campos, la rabbia è osservabile anche in bambini di pochi mesi; secondo i due autori -infatti- in bambini di 4/7 mesi è stato possibile evidenziare la presenza di espressioni facciali e vocalizzi riconducibili alla rabbia.

Le espressioni facciali della rabbia sono riconoscibili in tutte le culture e secondo un test (test di Rosenzweig), sembra che le persone aggressive siano più portate a tollerare l’ira altrui.

Averill…

View original post 764 altre parole

L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha disposto il divieto di utilizzo, sul tutto il territorio nazionale, del lotto n. ABV2856 del vaccino anti covid-19 AstraZeneca…


Medicina, Cultura, e Legge

Si riporta letteralmente il testo della notizia così come pubblicato, nella giornata di ieri 11-03-2021, sul sito dell’Agenzia Italiana del Farmaco: aifa.gov.it.

Per l’articolo originale clicca qui“AIFA dispone divieto di utilizzo di un lotto AstraZeneca. Accertamenti in corso in coordinamento con EMA”.

Per maggiori approfondimenti clicca qui e verrai indirizzato all’articolo, a ciò dedicato, di fanpage.it: “Vaccino AstraZeneca, perché Aifa ha ritirato un lotto: cosa sta succedendo”.

***

AIFA dispone divieto di utilizzo di un lotto AstraZeneca. Accertamenti in corso in coordinamento con EMA.

A seguito della segnalazione di alcuni eventi avversi gravi, in concomitanza temporale con la somministrazione di dosi appartenenti al lotto ABV2856 del vaccino AstraZeneca anti COVID-19, AIFA ha deciso in via precauzionale di emettere un divieto di utilizzo di tale lotto su tutto il territorio nazionale e si riserva di prendere ulteriori provvedimenti, ove necessario, anche in stretto coordinamento con l’EMA, agenzia del…

View original post 153 altre parole