Tutti gli articoli di giovanni tagliarini

Sono un informatico ho gestito un'attività nel settore per quasi trent'anni nel 2014 la crisi dei mercati e la concorrenza dei maxistore ha costretto alla chiusura molte piccole aziende in tutti i comparti non solo commerciali (tra cui la mia) . In questi anni ho fatto diversi tipi di lavori tra cui quello di aiuto chef in un ristorante di cucina francese a Londra, attualmente mi trovo in Italia dove il lavoro è un miraggio e comunque non remunerato in modo adeguato, per cui nei prossimi mesi mi trasferirò per nuove esperienze lavorative all'estero, attualmente mi occupo di Social Network e Affiliazioni con Amazon ed altre aziende presenti nell'ecommerce, sono un neo giornalista freelance e scrivo o pubblico articoli di colleghi che possano arrivare ad un pubblico più ampio per questi motivi ho scelto Wordpress che sicuramente è la piattaforma adatta alle mie esigenze, chi mi volesse contattare, per informazioni consigli o critiche può farlo inviando un'email a tagliarini.giovanni@gmail.com grazie Cordiali saluti

Spettacoli: Ecoteatro Milano riconoscimento Cultura


FreeMilano Press News Italia

#Spettacoli #Ecoteatro #Milano riconoscimento #Cultura

Potrebbe essere un'immagine raffigurante una o più persone e il seguente testo "BA 18 MINISTERO PER I BENI E è LE ATTIVITÀ CULTURALI"Nessuna descrizione della foto disponibile.  Finalmente una buona notizia: da oggi EcoTeatro è diventato un organismo di programmazione riconosciuto dal Ministero della Cultura e inserito nel Fondo Unico dello Spettacolo. Il massimo riconoscimento che si possa ottenere a livello nazionale ! Non vi nascondo un certo orgoglio e tanta soddisfazione. Un grazie ai nostri collaboratori e in particolare al direttore artistico Walter Palamenga. E tutto alla luce del sole: niente raccomandazioni o favori… solo tanto impegno e duro lavoro. Ora però la responsabilità e doppia. A settembre si riparte più entusiasti di prima con una nuova stagione che farà scintille: Sandra Milo, Leo Gullotta, Marisa Laurito, Anna Mazzamauro e poi la danza, il concerto tributo a Mina e un pò del nostro bel dialetto milanese con il simpatico Walter di Gemma. Vi aspettiamo !

View original post

Quel pro-life di George Orwell


Una casa sulla roccia

GEORGE ORWELL

(da Aleteia)

Emiliano Fumaneri-pubblicato il 04/05/21

George Orwell – l’autore di1984e dellaFattoria degli animali– è stato l’insuperato critico del totalitarismo e di quella perversione del linguaggio da lui battezzata col nome di neolingua. È cosa nota ai più.

Meno noto è il fatto che George Orwell sia stato anche un convinto antiabortista.

Un silenzio che non appare fortuito, visto che la cultura di morte in cui siamo immersi produce quotidianamente dosi massicce di neolingua per impedire di articolare pensieri a difesa della vita nascente.

Ma come motiva Orwell il suo rifiuto dell’aborto? Certo non a partire da una qualche fede religiosa, considerato il suo robusto agnosticismo.

Per avere una risposta allora bisogna cercare altrove. E si scopre che Orwell è contrario all’aborto in nome dellacommon decency,la «decenza comune».

Con questa espressione lo scrittore britannico vuole indicare, come scrive nel suosaggio su…

View original post 1.307 altre parole

Lewis: amare significa, in ogni caso, essere vulnerabili


Una casa sulla roccia

“Non esiste investimento sicuro: amare significa, in ogni caso, essere vulnerabili. Qualunque sia la cosa che vi è cara, il vostro cuore prima o poi avrà a soffrire per causa sua, e magari anche a spezzarsi. Se volete avere la certezza che esso rimanga intatto, non donatelo a nessuno, nemmeno a un animale. Proteggetelo avvolgendolo con cura in passatempi e piccoli lussi; evitate ogni tipo di coinvolgimento; chiudetelo col lucchetto nello scrigno – al sicuro nel buio, immobile, sotto vuoto – esso cambierà: non si spezzerà; diventerà infrangibile, impenetrabile, irredimibile”.

C.S. Lewis, I quattro amori

View original post

L’armonia difficile e possibile di maschile e femminile


Una casa sulla roccia

4a0c6nhhmz3cowvnncevmrb_v0knozqp-n81an3qm_hmnhenrwtgc9b8p9jjfhptnmuua2394tmx8ky8l1-rfsulwosfsw

(daAleteia)

Frati e monache di clausura insegnano l’amore di amicizia e come vivere in pienezza

di padre Ermes Ronchi

“Tu sei per me vivace melodia. Io sono per tecantus firmus”.

Seren Kierkegaard

Nell’epoca in cui l’Occidente, tra il XII e il XIII secolo, «inventa» l’amore moderno, così come oggi è inteso, santi come Francesco e, prima ancora, Bernardo di Chiaravalle portano un contributo determinante alla comprensione dell’amore d’amicizia: quando nell’orizzonte della loro vita entrano, gloriosamente e gioiosamente, delle donne, sanno esprimere, come nessun altro, i riti dell’amore d’amicizia; lo sanno interpretare come bellezza ed enigma dell’uomo e della donna; sanno gustarlo con animo adulto e fanciullo insieme.

II XII secolo è «il secolo della dominanza femminile» (G. Duby). La Vergine entra maestosamente in tutte le cattedrali, scortata da uno stuolo di sante donne: la Maddalena, speranza delle peccatrici, trionfa a Vézelay; le tre Marie (Maria di Betania, Maria…

View original post 1.855 altre parole

Un’amicizia grande: Bernardo ed Ermengarda


Una casa sulla roccia

1408

di don Fabio Bartoli

(dal blogLa fontana del villaggio)

Leggendo le vite dei santi si incontrano numerosi esempi di straordinarie amicizie tra uomo e donna, soprattutto tra i monaci, ed è facilmente comprensibile se si pensa che il voto di celibato o di verginità da una parte li custodisce dalla tentazione di erotizzare l’amicizia e dall’altra rende loro necessario trovare in qualche modo quella complementarietà che gli sposati trovano nel matrimonio. Tra questi esempi mi piace raccontare la storia di Bernardo ed Ermengarda, sia perché è poco nota, sia perché per certi versi mi sembra esemplare.

View original post 1.042 altre parole