Caso Regeni, quattro 007 egiziani verso il processo, 11 dicembre 2020

Mappeser.com: mappe nel sistema dei servizi

La Procura di Roma ha chiuso le indagini sull’omicidio di Giulio Regeni, il ricercatore friulano rapito, torturato e ucciso nel gennaio 2016 in Egitto. A rischiare il processo sono quattro agenti dei servizi segreti egiziani: il generale Sabir Tariq, i colonnelli Usham Helmi e Athar Kamel Mohamed Ibrahim, e Magdi Ibrahim Abdelal Sharif. Agli indagati il procuratore Michele Prestipino e il pm Sergio Colaiocco contestano, a vario titolo, i reati di sequestro di persona pluriaggravato, concorso in lesioni personali e omicidio. Per un quinto agente, Mahmoud Najem, i pm hanno chiesto l’archiviazione. La notifica è avvenuta «con rito degli irreperibili» direttamente ai difensori di ufficio perché dal Cairo non è mai stato comunicato il domicilio dei quattro. Ora gli indagati e i loro difensori hanno venti giorni di tempo per farsi ascoltare o per depositare una memoria sui fatti contestati. Poi i magistrati procederanno. Dalle indagini emerge che Regeni è…

View original post 417 altre parole

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.